diritto amministrativo, diritto scolastico, diritto sanitario
diritto degli appalti pubblici

Marotta Avv. Pasquale

Avvocato Marotta
espropriazioni, diritto amministrativo, diritto degli appalti pubblici
diritto degli appalti pubblici, consulenza urbanistica, consulenza per enti locali

Patrocinante in Cassazione ed altre Corti Superiori

Specializzato in Diritto Amm.vo e Scienza dell'Amministrazione

Perfezionato in Amministrazione e Finanza degli Enti Locali

 

Studio legale

Lo Studio Legale avv. Pasquale Marotta si propone a privati, artigiani, imprenditori, imprese di costruzione, studi professionali e privati per ogni necessità giuridico-legale regolata dal diritto amministrativo.

 

 

Avv. Cassazionista

Gestisce ogni controversia stragiudiziale con abilità e determinazione e in sede processuale mostra la sua vasta ed approfondita conoscenza della materia giuridica con strategie forensi vincenti e convincenti.

 


Concorso INPS 2017: è illegittima la richiesta della certificazione d’inglese B2 come requisito di accesso. 


In data 24/11/2017, è stato pubblicato il Bando per il reclutamento di 365 funzionari presso l’INPS, e precisamente per 365 posti di analista di processo-consulenti professionali, area C, posizione economica C1, su tutto il territorio nazionale. La domanda di partecipazione al concorso va presentata entro il trentunesimo giorno decorrente dal giorno successivo alla pubblicazione del suddetto bando. Alla procedura selettiva possono partecipare coloro che sono in possesso della laurea magistrale o specialistica in una delle seguenti discipline:

scienze dell’economia; scienze economico-aziendale; ingegneria gestionale; scienze dell’amministrazione; giurisprudenza.

Il Bando ,però, prevede, oltre alla laurea, come requisito d’ammissione al concorso anche la certificazione di conoscenza della lingua inglese, pari almeno al livello B2. Tale ulteriore requisito richiesto dal bando, ha sollevato e sta sollevando molte critiche, in quanto ritenuto del tutto arbitrario. In effetti, tale ulteriore requisito appare illegittimo poiché si pone in contrasto col Testo Unico del Pubblico Impiego, riportato nel D.lgs. n. 165/2001, riformato nel 2017 che, all’art. 37, obbliga la Pubblica Amministrazione solamente ad accertare le conoscenze di informatica e lingua inglese, ma non a farli diventare requisiti di accesso ad un concorso.

Peraltro, nel concorso, tale tipo di accertamento è già previsto all’art. 6, che, nel disciplinare la prova scritta, chiarisce come la stessa consiste in una serie di quesiti a risposta multipla vertenti anche sulle competenze linguistiche ed informatiche. Coloro che sono esclusi dal concorso possono impugnare il relativo bando ma devono dapprima presentare domanda di partecipazione per manifestare l’interesse a concorrere.

Coloro che sono interessati a partecipare al ricorso possono inviare una richiesta di adesione entro il 20/12/2017 a cui seguirà un comunicato recante le modalità di partecipazione.

Share by: